Sei in » Attualitą
08/03/2017 | 11:44

Gli alunni delle seconde classi della Scuola Secondaria di I Grado di via De Gasperi di Aradeo, al termine di un intervento sulla tematica del bullismo e della legalitą assieme ai Carabinieri, hanno ricevuto la menzione d'onore di 'Classe Debullizzata'.


mabasta classe 'debullizzata'


Aradeo. Rispetto della dignità propria ed altrui. Differenza tra scherzo e cattiveria. Piena consapevolezza di una vita reale a discapito di quella virtuale. Sono questi i principi cui hanno aderito e che concretamente hanno sottoscritto gli alunni della seconde classi della Scuola Secondaria di I Grado di via De Gasperi di Aradeo, al termine di un intervento sulla delicata tematica del bullismo e della legalità.

Come relatori il Comandante dei Carabinieri di Gallipoli, Tenente Francesco Battaglia, il Comandante della Stazione di Aradeo, Maresciallo Vito De Giorgi, e, soprattutto, un giovane rappresentante del movimento “Mabasta”, fondato da una classe dell’Istituto Superiore Galilei di Lecce al fine di “debullizzare” tutti quegli ambienti sociali dove ancora permangano focolai di prepotenze ed ingiustizie.

Gli alunni hanno dimostrato sincero e vivo interesse nei confronti dei relatori e, un po’ emozionati quando uno ad uno sono stati chiamati ad apporre la propria firma sulla pergamena ufficiale, con la quale hanno pienamente condiviso all’unanimità l’idea di responsabilizzarsi a vicenda, stipulando un patto con i docenti ed i Carabinieri, all’insegna del rispetto del prossimo e della legalità, ricevendo infine l’agognata menzione d’onore di “Classe Debullizzata”.

“Mabasta”, inoltre, ha dimostrato anche a livello nazionale il proprio impegno.

Basta ricordare che il mese scorso a Sanremo, sul palco del Teatro Ariston, nel corso della manifestazione canora che mette in scena la bella musica italiana, figurarono due rappresentanti del Movimento dei giovani del Galilei Costa, impegnato ogni giorno contro il bullismo.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |