Sei in » Cronaca
16/09/2017 | 16:59

Un uomo di 52 anni è finito stamane in carcere con l'accusa di rapina impropria commessa lo scorso 30 luglio ad Aradeo: in quella occasione si era introdotto in un appartamento, riuscendo a portar via gioielli e orologi e ferendo anche il fratello del proprietario di casa.


Il ladro era a caccia di gioielli e orologi


Aradeo. Aveva in mette un piano criminoso per preciso: avrebbe dovuto compiere un furto in una abitazione, nella maniera più rapida possibile. Tutto però si è arenato quando il fratello dei proprietari dell’appartamento ha udito rumori sospetti, cogliendo sul fatto il malvivente.
 
È la vicenda, questa, di Antonio Filieri, 52enne di Aradeo, di professione panettiere. L’uomo, una volta entrato nella casa, dopo aver forzato la serratura della porta di ingresso, in pochi minuti ha messo a soqquadro l’intera abitazione, alla ricerca forsennata di monili, gioielli e orologi.
 
Tuttavia, il fratello del proprietario di casa, attirato da alcuni rumori sospetti e dalla porta d’ingresso socchiusa, sapendo che il suo parente non avrebbe fatto rientro in casa prima di sera, ha sospettato subito che stava accadendo qualcosa di non desiderato. Munitosi di coraggio, così, l’uomo è entrato nella stanza da dove prevenivano tutti i rumori, sorprendendo il malfattore a rovistare in alcuni cassetti.
 
Antonio Flieri, colto in flagranza a volto scoperto, prima di darsi a una precipitosa fuga, si è scontrato però con l’occupante dell’abitazione, ingaggiando una colluttazione e, in un momento di distrazione, ha spinto la vittima contro il muro, procurando alcune escoriazioni.
 
Così, messo KO, il malcapitato non ha potuto far altro che veder il ladruncolo scappare via, per poi lanciare immediato allarme ai Carabinieri. Le successive indagini condotte dai militari della stazione di Aradeo, sono partite da subito dall’ascolto del testimone oculare, il quale ha fornito la puntuale ricostruzione dei fatti, portando di Carabinieri a raccogliere elementi concreti a carico del malvivente.
 
Poche ore più tardi l’uomo è stato rintracciato e oggi è giunta l’ordinanza di custodia cautelare da parte del GIP presso il Tribunale di Lecce, misura che è stata eseguita all’alba. Il 52enne, indagato per rapina impropria esercitando violenza sulla persona per garantirsi l’impunità, dopo l’apprensione della refurtiva, è stato catturato per essere poi condotto presso la Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |