Sei in » Cronaca
13/10/2016 | 12:30

All'alba di questa mattina si sono aperte le porte del carcere di Lecce per Gianluca Albano, 34enne di Aradeo. L'uomo accusato di aver costretto la sua compagna a consegnargli il suo stipendio con minacce e violenze continue. Anche davanti ai figli


Violenze e minacce da parte del convivente


Aradeo. «Un silenzio è assordante fino a quando non viene rotto dal coraggio». Usano proprio queste parole i carabinieri della stazione di Aradeo per raccontare l’incubo, fatto di violenze fisiche e morali, vissuto da una 29enne del posto. Una situazione insopportabile che si è conclusa all’alba di questa mattina con l’arresto del suo convivente Gianluca Albano, 34enne volto già noto alle forze dell’ordine.  
  
Da tempo, il 34enne obbligava la sua compagna a consegnargli puntualmente una parte del suo stipendio. Una richiesta che non ha esitato a condire con minacce e violenze fisiche, consumate anche davanti ai figli. Maltrattamenti che nel corso degli anni sono degenerati fino a contemplare l’uso della lama di un taglierino e di una pistola ad aria compressa. È stato grazie alle testimonianze raccolte da chi ha condiviso con la donna l’inferno che gli uomini delle forze dell’ordine sono riusciti a ricostruire le umiliazioni e le vessazioni da lei patite. Senza contare il referto medico dove è scritto nero su bianco le tumefazioni e le lesioni subite e l’arma utilizzata da Albano per imporre la sua volontà, trovata durante la perquisizione domiciliare e sottoposta a sequestro.
 
Come detto, i militari hanno stretto le manette ai polsi del 34enne sulla base dell’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere a firma del G.I.P., il dottor Stefano Sernia che ha condiviso il risultato delle indagini condotte dai militari e coordinate dal Sostituto Procuratore, la dottoressa Maria Rosaria Micucci, della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce. E per Gianluca Albano si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Lecce, dove si trova a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |